Firenze, sono le 11.30 – 11.45, Domenico Sepe e altri due canottieri stanno pagaiando a bordo di altrettante canoe polinesiane in direzione della pescaia di San Niccolò. Poco dopo essere passati sotto il ponte, un uomo sulla riva chiama i canoisti segnalandogli la presenza di una persona in acqua. Domenico Sepe si avvicina e vede, a circa tre metri dalla riva, un uomo con il volto riverso in Arno, immobile.

Sepe, un veterano della Canotteri Comunali Firenze e campione di Dragon Boat, prontamente si tuffa in Arno per soccorrere l’uomo; per prima cosa lo gira con il volto fuori dall’acqua, poi lo porta in sicurezza a riva.

Qui, aiutato dagli altri canoisti e dalla persona che ha invocato aiuto, facilita l’espulsione dell’acqua e l’uomo che stava per annegare ricomincia a respirare normalmente.

“L’uomo avrà a avuto un’eta di circa ottanta anni, forse qualcosa di più – racconta Domenico Sepe, pensionato dell’Università degli Studi di Firenze. Quando ha ricominciato a respirare meglio, ci è parso in stato confusionale; forse è scivolato in acqua accidentalmente”.

In breve tempo, sul luogo sono intervenuti l’ambulanza e i Vigili del Fuoco, così i tre canottieri, bagnati e infreddoliti, sono rientrati in sede a bordo delle loro canoe.

“Penso che, tutto sommato, sia stata una giornata fortunata per quest’uomo – commenta Sepe. Con poco altro tempo riverso in acqua in quel modo, avrebbe finito per annegare. Di acqua ne aveva già bevuta perché ne ha sputata molta, prima di riprendere a respirare regolarmente”.

Da sempre si dice che i canottieri sono le vere “sentinelle dell’Arno” e il salvataggio di oggi è solo l’ultimo di una lista che si allunga da molti anni.

Sepe, un veterano della Canotteri Comunali Firenze e campione di Dragon Boat, prontamente si tuffa in Arno per soccorrere l’uomo; per prima cosa lo gira con il volto fuori dall’acqua, poi lo porta in sicurezza a riva.

Qui, aiutato dagli altri canoisti e dalla persona che ha invocato aiuto, facilita l’espulsione dell’acqua e l’uomo che stava per annegare ricomincia a respirare normalmente.

“L’uomo avrà a avuto un’eta di circa ottanta anni, forse qualcosa di più – racconta Domenico Sepe, pensionato dell’Università degli Studi di Firenze. Quando ha ricominciato a respirare meglio, ci è parso in stato confusionale; forse è scivolato in acqua accidentalmente”.

In breve tempo, sul luogo sono intervenuti l’ambulanza e i Vigili del Fuoco, così i tre canottieri, bagnati e infreddoliti, sono rientrati in sede a bordo delle loro canoe.

“Penso che, tutto sommato, sia stata una giornata fortunata per quest’uomo – commenta Sepe. Con poco altro tempo riverso in acqua in quel modo, avrebbe finito per annegare. Di acqua ne aveva già bevuta perché ne ha sputata molta, prima di riprendere a respirare regolarmente”.

Da sempre si dice che i canottieri sono le vere “sentinelle dell’Arno” e il salvataggio di oggi è solo l’ultimo di una lista che si allunga da molti anni.

Condividi con altri . . . Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Print this page
Print

Puoi usare questo short link per condividere l'articolo: http://ccfirenze.it/zBgPW

 

I nostri eventi

<< Apr 2021 >>
lmmgvsd
29 30 31 1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 1 2

Firenze Viola Super Sport

Siamo dotati di DAE

Grazie alla donazione dell'Associazione Niccolò Testini la nostra società è dotata di Defibrillatore semiAutomatico Esterno (DAE)

Costanza Bonaccorsi Oro Mondiale 2014 e 2015 – Oro Europeo 2015


Tommaso Freschi oro junior mondiali ed europei k4 2015


Sostienici

5x1000-banner

I nostri sponsor

Arcos Building impresa edile fiorentina